San Giorgio del Sannio

Il paese dei fiori e della cortesia

Dov’è

“A chi dalle colline che circondano Benevento volge lo sguardo verso l’Oriente si presenta a prima vista il cocuzzolo della collina sulla quale siede a cavaliere l’antico Montefusco. Sul pendio continuo che scende digradando sempre sino alle campagne della città stanno qua e là sparsi innumerevoli borghi e casali che mostrano lieti tra il verde fitto dei campi la bianchezza delle loro casette. Essi, cui diede il nome l’esagerata fantasia del Medio Evo si accentrano insieme in due, tre quattro a formare un sol comune avente a capoluogo uno dei borghi più grandicelli. 

Proprio ai piedi della collina che si addossa più vicina a Montefusco dalla parte di mezzogiorno sorride uno di questi borghi più importanti perdentesi nella parte superiore tra gli alberi e gli scoscendimenti del poggio e allungantesi per lungo tratto giù nel piano. Questo paesello ha un nome San Giorgio la Montagna. Vi si respira un’aria saluberrima e pura che ti consente ogni seno di monte lontano che t’apparisce nello esteso orizzonte che contempli. il sole lo rischiara e lo involge sempre di luce: e la campagna che si distende per lunga pezza fertilissima ti mostrerà di primavera tutto il lusso dei suoi fiori e del suo verde con mille sfumature diverse”.

Così Padre Isidoro Cozzi, nell’anno 1904 descriveva nel suo libro “San Giorgio la Montagna” (fino all’ agosto 1929 era così chiamata), oggi San Giorgio del Sannio. Situata a circa 8 Km a sud-est del Capoluogo, su un territorio collinare ad un’altezza di 390 mt. slm. con una superficie di Ha 2220 circa, pari 22,2 Kmq, uno dei centri più importanti della Provincia di Benevento.



Da non perdere

Architetture religiose:

Chiesa madre di San Giorgio Martire – Santuario Diocesano San Gerardo Maiella, con annesso il monastero della Visitazione;

Chiesa di Sant’ Agnese e Santa Margherita, a Sant’Agnese;

Chiesa di Santa Maria, a Ginestra;

Chiesa di San Francesco;

Chiesa di San Rocco, loc. Marzani;

Chiesa di San Marco Evangelista, loc. Monterone;

Chiesa di San Giovanni Apostolo ed Evangelista, a San Giovanni a Morcopio (La chiesa è l’unica parte restante di un antico monastero risalente al 1130).

Architetture civili:

Piazza Risorgimento;

Piazza Immacolata;

Piazza IV Novembre;

Piazza D. Scarlatti;

Piazza L. Bocchini;

Piazza della Costituzione;

Piazza De Gregorio;

Piazza C. Bocchini (Marzani);

Piazza del Municipio;

Piazza G. Leopardi.

Palazzi signorili:

Palazzo dei principi Spinelli, sito nella centrale piazza Risorgimento;

Palazzo Nisco, in piazza Risorgimento;

Palazzo del Cav. Enrico Nisco, nei pressi di piazza Risorgimento;

Palazzo Bocchini ai Marzani, in piazza C. Bocchini;

Palazzo Bocchini, posto sul viale principe Carlo III Spinelli;

Palazzo Bocchini di Ginestra, sito in piazza L. Bocchini;

Palazzo baronale Dell’Aquila, nel quartiere di Ginestra;

Palazzo Baldassarre, posto in piazza Immacolata;

Palazzo dei baroni Ventimiglia, nel quartiere di Sant’Agnese.

Statue e monumenti

Monumento ai caduti, di fronte alla casa comunale

Piazza Risorgimento, con al centro una fontana con 4 delfini, ricostruita nel 2004. Fu restaurata per la prima volta nel 1939, ampliata ed abbellita nel 1953.

Busto marmoreo, su capitello di marmo e lapide, in onore di Carlo III Spinelli, principe del paese, situato in un angolo di piazza Risorgimento, con la seguente dedica:

«Carlo III Spinelli, Principe di San Giorgio 8 marzo 1678 – 11 giugno 1742 conferi al paese lustro e dignità magnificando con opere ed azioni, l’amministrazione civica in memoria pose 23 aprile 2003»

Statua della Madonna dell’Immacolata, nell’omonima piazza, su capitello di marmo con la seguente dedica:

«La civica amministrazione accogliendo i voti dei frati minori, interpretando la fede e la pietà Mariana del popolo, questo monumento eresse a ricordo del primo centenario della definizione dogmatica della Concezione Immacolata di Maria.»

San Giorgio del Sannio Anno Mariano 1954.» Nel 2009, la locale società ciclistica Velo Club San Giorgio, con il patrocinio dell’amministrazione comunale ha collocata sul Viale Spinelli una scultura-monumento per ricordare la tappa del 70º Giro d’Italia del 1987. La scultura è posta nello stesso punto dove era sistemato il traguardo della più importante gara ciclistica italiana.

Storia

San Giorgio Del Sannio è un paese che sorge alle porte di Benevento. Il paese è formato da quattro frazioni: San Giorgio, Sant’Agnese, Ginestra (la frazione più importante, che era un vico romano) e San Rocco, che divise in passato, unite successivamente dal principe Carlo lll Spinelli. Nel territorio comunale si trovano ancora il Piano ”vecchio paese”, Monterone, Cesine e San Giovanni. Le contrade di San Giorgio, Sant’Agnese, Ginestra e San Giovanni a Morcopio sono alcune delle zone abitate fin dai tempi dei romani grazie al passaggio della Via Appia, anche se le prime date ufficiali risalgono al 1135, con la presenza di molte monete e cimeli romani che fanno pensare ad un insediamento romano.

Un assetto importante al paese lo diede Carlo III Spinelli (1678-1742), che nell’attuale piazza Risorgimento fece costruire il suo palazzo, una fontana, un deposito e la nuova chiesa. Nel 1720 vi fondò un monastero di monache, che poi, aggiunto all’antico palazzo baronale, formò l’Educandado delle Salesiane. Prima dei Principi Spinelli (1677), il paese era feudo degli Iamvilla, cui fu dato da Giovanna II, e poi dei Malanotte.

Curiosità

l Giro d’Italia ha toccato più volte il comune di San Giorgio del Sannio con partenze ed arrivi.

Nel 1987 il Giro vi arrivò e ripartì il giorno dopo. Nella tappa che arrivò a San Giorgio del Sannio ci fu la vittoria di Paolo Rosola, nella tappa del giorno successivo, che partì da San Giorgio, ci fu la vittoria di Urs Freuler.

Dopo 25 anni, nel 2012, il Giro tornò nella cittadina con una partenza di tappa, la tappa arrivava a Frosinone e la vittoria andò a Francisco Ventoso.

Nel 2015 San Giorgio tornò ad ospitare un arrivo di tappa del Giro la vittoria di tappa andò a Paolo Tiralongo.

Tour del centro storico