Guardia Sanframondi

Alla scoperta del borgo medievale tra antichi riti e tradizioni

Dov’è

Caratteristico borgo medievale della provincia di Benevento, Guardia Sanframondi è un grande contenitore di arte, storia e cultura che domina l’intera Valle Telesina, sorge alle falde meridionali del monte Ciesco, alla sinistra del monte Monaco di Gioia e in affaccio sul fiume Calore e Titerno. Il borgo collinare, sviluppatosi intorno al Castello dei Sanframondo, conserva ancora l’originario impianto urbanistico e, con il suo intrecciarsi di viuzze e scalinate in pietra, lascia il visitatore incantato.



Da non perdere

Il centro antico, ricco di fastosi palazzi, chiese monumentali ed eleganti fontane, è posto lungo il percorso della via Francigena, cui fa riferimento la Porta Francesca, una dei quattro antichi ingressi del borgo storico. Principali luoghi di interesse di Guardia, ubicato in un contesto naturale fatto di vigneti ed oliveti che ricoprono ogni collina ed ogni angolo del territorio sono infatti, oltre il Castello Medievale, voluto da Raone, primo cittadino di Cerreto Sannita e componente della famiglia Sanframondo;

La Basilica di Santa Maria Assunta e San Filippo Neri, unica chiesa parrocchiale della città che, nella sua cornice barocca evidenzia ancora una lontana cultura romanica offuscata da stratificazioni varie ma mai distrutta;

La chiesa di San Sebastiano Martire che, con il suo interno in stile roccocò e i dipinti della volta, rendono l’edificio elegante, straordinario;

La Fontana del Popolo, un imponente monumento voluto dal popolo che, costruito in pietra bianca locale, è composta nella parte inferiore da una vasca, posta su un basamento, in cui si riversano tre getti d’acqua fuoriuscenti da elementi decorativi;

e, Infine, di grandissima importanza è il Convento dei Frati Minori Francescani che, noto anche con il nome di Chiesa di Sant’Antonio, si mostra a pianta quadrangolare con la presenza di un portico con colonne in pietra locale lavorata, al cui centro vi è un chiostro, e volte affrescate con raffigurazioni barocche.

Storia

La città di Guardia Sanframondi ha origini antichissime: i primi reperti che attestano la presenza umana nella zona risalgono al Paleolitico. Successivamente, nel tempo, si svilupparono numerosi insediamenti umani, lasciando tracce risalenti al Neolitico, all’età del Bronzo e del Ferro.

A verificare l’ipotesi dell’origine longobarda vi è un documento secondo cui Guardia prende il nome dalla famiglia Sanframondo e la località assunse il nome di Warda, luogo di guardia, vedetta, grazie alla posizione collinare. Il paese è stato colpito, nel corso dei secoli, da numerose calamità naturali come il terremoto del 1456 che provocò ingenti danni e numerose vittime; e quello del 1688, ancora più catastrofico, che distrusse quasi completamente il paese e uccise circa 1.200 persone ma grazie alla tenacia e alla volontà dei suoi abitanti, Guardia fu ricostruita poi nello stesso posto.

Il 10 e 11 ottobre 1943 Guardia Sanframondi subì inoltre i bombardamenti americani, i quali provocarono danni agli edifici e la morte di civili e tedeschi e, negli ultimi anni, Guardia è alle prese con gravi problemi di abbandono e spopolamento del suo centro storico causati dalla riqualificazione di aree boschive.

Curiosità

Guardia Sanframondi è la patria di ottimi vini e di pregevole olio extra-vergine di oliva: famosa è la produzione del vino “Guardiolo d.o.c.” che rappresenta la principale risorsa economica del paese. Due le manifestazioni di maggior rilievo: “Vinalia”, rassegna enogastonomica caratterizzata da percorsi di sapori e degustazioni che richiama ogni anno una moltitudine di visitatori; e con cadenza settennale, la settimana dopo Ferragosto, nel borgo di Guardia si svolge la processione dei Battenti , la quale è caratterizzata fortemente da alcuni simboli caratteristici: i campanelli, la disciplina, la spugna, la corona di spine e la fune. Le intere processioni sono contraddistinte dalla presenza del ‘Coro Rionale’ e, durante la settimana dei Riti Settennali, famosissima manifestazione religiosa,  il Rione Portella partecipa a due diverse processioni: ‘processione di penitenza’ e ‘processione di comunione’.

Guardia Sanframondi, inoltre, è stato tra gli anni cinquanta e sessanta set di tre importanti film del cinema italiano: Maddalena, la Bella Mugnaia e I Briganti Italiani; Nel 2014 Guardia Sanframondi, insieme alla vicina San Lupo, viene scelta come set per l’horror movie Janara e, dal 2012 al 2017, la casa di produzione newyorkese Leopard Film Usa ha più volte fatto tappa a Guardia Sanframondi per le riprese della trasmissione televisiva House Hunters International.